La domanda che mi fanno più spesso è: “com’è il SAE Institute?” oppure “Come ti sei trovato alla SAE?”

Questa è una domanda al quale è sempre difficile rispondere, innanzitutto perché la risposta si basa sulla mia personale esperienza, essendo un fatto completamente soggettivo quello che potrebbe essere percepito come fantastico per me, per qualcun altro potrebbe essere l’opposto.

Per rispondere alle domande sopra-riportate devo necessariamente dividere il “racconto” in due articoli separati, in questo spiegherò il motivo che mi ha portato alla scelta di frequentare SAE Institute, sperando che possa essere d’aiuto a qualcun’altro.

La musica è sempre stata parte di me, ho iniziato a suonare la batteria da piccolo, l’ho sempre fatto solo ed esclusivamente per passione. Non sono mai voluto diventare un musicista, non l’ho mai sentito nelle mie corde.

La prima grande decisione che una persona deve affrontare (oltre al colore del motorino a 14 anni) è la scelta delle scuole superiori.

Io, con non poca difficoltà, alla fine scelsi di frequentare un istituto tecnico, in particolare un istituto tecnico commerciale (ragioneria) con indirizzo SIA, sistemi informativi aziendali.

Ragioneria non è mai stata la scuola adatta a me, sono abbastanza convito di aver fatto la scelta sbagliata, ma come tanti con un po’ di fatica ed una buona dose d’impegno sono riuscito a portala a termine e diplomarmi.

Purtroppo, conservatorio a parte, non esiste un percorso d’istruzione che comprenda effettivamente un percorso musicale in esso.

Terminate le scuole superiori, era il momento di capire come proseguire il percorso. Volevo lavorare nel settore dell’audio e dei Media, questo era sicuro, così mi sono messo a cercare eventuali corsi, università o campus dove coltivare questa passione. Non era ancora chiaro in me cosa volessi fare nell’ambito musicale, ma ero molto attratto dalla figura del Sound Engineer.

Dopo diverse ricerche on-line, le due soluzioni migliori mi sembravano le seguenti:

Non è stato facile per me, anche in questo caso, scegliere quale percorso intraprendere. On-line sono presenti recensioni positive e negative di entrambe le situazioni.

Alla fine, dopo aver partecipato anche all’open day a Milano, ho scelto di frequentare SAE Institute per diversi motivi.

Il primo motivo è sicuramente la posizione, essendo nato e cresciuto in un paesino come San Marino, trasferirsi in una metropoli come Milano era sicuramente una cosa allettate. Saluzzo, per quanto sia un piccolo paesino carino nel cuore del Piemonte, non aveva per me la stessa attrattiva di Milano. Soprattutto pensando anche ad un futuro mondo lavorativo.

Il secondo motivo è stata sicuramente la struttura, la nuova sede di Sae Milano in Via Trentecoste è decisamente allettante e ben fatta. Presenta innumerevoli studi di registrazione ed aule, inoltre sono presenti macchinari su cui solitamente è difficile mettere mano… come l’SSL 4000 in studio 7 oppure il sistema Yamaha Nuage.

SAE Institute Milano - ghigos

Un altro motivo è prettamente personale, durante l’Open Day la cosa mi è più saltata all’occhio è l’impressione che tutti i docenti, supervisori e studenti vivessero come una grande famiglia, aiutandosi gli uni con gli altri…

Questa credo che sia la cosa che mi ha fatto scegliere Sae Institute.

Ovviamente, non per ultimo, anche l’offerta formativa proposta mi ha lasciato piacevolmente stupito raccontata all’Open Day, anche se, credo che per valutare l’offerta formativa di una scuola, sia FONDAMENTALE frequentarla. Essendo una cosa soggettiva, non è possibile farsela raccontare…

Sono abbastanza convito che anche se avessi frequentato APM, sarei rimasto sicuramente contento dell’esperienza e del campus, ma alla fine ho deciso di frequentare SAE.

Inutile dilungarsi, la mia esperienza è stata sicuramente positiva, sono stato veramente bene ed ho imparato tanto…

Ma non dirò di più! Ci sarà presto un nuovo articolo dove parlerò precisamente di come è stata la mia esperienza al SAE Institute di Milano.

Website APM

Website SAE Institute Milano


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *